INTELLIGENZA ARTIFICIALE



Sospeso il test da parte di Facebook sullâ??Intelligenza Artificiale. Due bot hanno iniziato a dialogare tra loro con un nuovo linguaggio, indecifrabile per lâ??uomo. La domanda che sorge spontanea, per cui da tempo sono nati diversi timori, è: davvero un giorno le macchine diventeranno così potenti da ribellarsi allâ??uomo? Analizziamo la notizia per scoprire di più sullâ??argomento. Alcuni programmatori di Facebook stavano eseguendo un test per lâ??intelligenza artificiale, quando due bot hanno iniziato a comunicare tra loro in un linguaggio che per i programmatori era sconosciuto. Ber bot â??abbreviazione di robot- si intende un programma che fa credere allâ??utente di comunicare con una persona umana, in modo da soddisfare le sue esigenze. Durante questo esperimento i programmatori stavano tentando di far dialogare tra loro due bot, per condurre semplici trattative. Ma di certo i programmatori non si aspettavano questo fenomeno. I due bot hanno iniziato ad utilizzare parole corrette, usate anche dallâ??uomo, ma in modo incomprensibile. Infatti quello che ha preoccupato i due informatici è che le parole fossero utilizzate non in modo casuale, ma seguendo una logica ben precisa. Tuttavia la logica di questo anomalo comportamento non è stata ancora compresa dallâ??uomo, quindi le ricerche sono state sospese. In ogni caso questo episodio ha fatto emergere un discorso ancora poco conosciuto e che può allarmare chi non si intende di questo argomento. Ma anche gli esperti si chiedono se fosse meglio fermare questa intelligenza artificiale che sta andando oltre alle conoscenze umane. Tuttavia uno dei due ricercatori di Facebook rassicura gli utenti: â??lo studio nel campo dellâ??Intelligenza artificiale non si fermerà a causa di questo episodio. Ã? bene continuare le ricerche per sapere con cosa abbiamo a che fare: sebbene lâ??idea che le macchine inventino un loro linguaggio può sembrare allarmante, ormai questo settore è solido e ha alle spalle anni di ricerche. I parametri dellâ??esperimento verranno cambiati, ma questo non significa certo che verrà fermata lâ??intelligenza artificiale. Solo perché per adesso non abbiamo raggiunto lâ??obiettivo sperato, non significa che dobbiamo lasciare anni di studio.â?